Via Flaminia, 259, 00196, Roma - Via di Casal Selce 300, 00166 Roma
063219898 - 0661905321
segreteria@studioangelonicorona.it

Parodontologia

parodontologia

La parodontologia è la branca che si occupa della salvaguardia e della cura dei tessuti duri e molli che sostengono il dente. Alla semplice infiammazione delle gengive (gengivite) può seguire un’infiammazione più profonda dei tessuti che sostengono l’elemento dentario (Parodontite)

La terapia si basa essenzialmente sulla rimozione dei fattori eziologici, quindi, a seconda del grado, si può optare per una semplice igiene orale, oppure, nei casi più gravi, in cui abbiamo presenza di essudato, tasche, mobilità e/o ascessi ricorrenti, si applicano procedure più complesse come anche quelle chirurgiche.

Introduzione alla parodontologia

La parodontologia è la branca della medicina dentale che si occupa della diagnosi, prevenzione e trattamento delle malattie parodontali, ovvero quelle che interessano i tessuti che sostengono i denti, come le gengive, l’osso alveolare e il legamento parodontale. Le malattie parodontali sono tra le principali cause di perdita dei denti negli adulti e possono avere effetti negativi sulla salute generale del paziente. In questo articolo, esploreremo le principali malattie parodontali, i fattori di rischio associati, i sintomi e le opzioni di trattamento disponibili.

La malattia parodontale

La malattia parodontale è una condizione che colpisce i tessuti che circondano i denti, causando infiammazione e progressiva perdita di tessuto osseo e gengivale. Ci sono due forme principali di malattia parodontale: la gengivite e la parodontite.

La gengivite è una forma lieve di malattia parodontale che si verifica quando il tessuto gengivale intorno ai denti diventa infiammato a causa della presenza di placca batterica. La placca è una sostanza appiccicosa che si forma sui denti quando i batteri si accumulano sulla superficie dei denti. Se non viene rimossa con la pulizia dei denti, la placca può irritare le gengive e causare infiammazione. I sintomi della gengivite includono gengive rosse, gonfie e sanguinanti durante la pulizia dei denti.

La parodontite è una forma più grave di malattia parodontale che si verifica quando la gengivite non viene trattata. In questo caso, l’infiammazione si estende al tessuto osseo e al legamento parodontale che sostiene i denti. Con il tempo, l’infiammazione può causare la formazione di tasche parodontali intorno ai denti, che si riempiono di batteri e placca. La parodontite può causare la perdita dei denti se non viene trattata. I sintomi della parodontite includono gengive sanguinanti, recessione gengivale, mobilizzazione dei denti e alito cattivo.

Fattori di rischio per la malattia parodontale

Ci sono diversi fattori di rischio che possono aumentare la probabilità di sviluppare una malattia parodontale. Alcuni di questi fattori sono controllabili, mentre altri non lo sono. I fattori di rischio includono:

  • Placca batterica: la placca è la principale causa di malattia parodontale e si forma quando i batteri si accumulano sulla superficie dei denti. La pulizia dei denti regolare può aiutare a rimuovere la placca e prevenire la malattia parodontale.
  • Fumo: il fumo è un importante fattore di rischio per la malattia parodontale. Il fumo può compromettere il sistema immunitario e la circolazione sanguigna, aumentando la probabilità di sviluppare la malattia parodontale e rendendo più difficile il trattamento.
  • Età: la malatt

ia parodontale è più comune negli adulti anziani. Con l’età, i tessuti gengivali possono diventare più sottili e i denti possono diventare più sensibili alla placca batterica.

  • Diabete: il diabete può aumentare il rischio di sviluppare la malattia parodontale. Le persone con diabete hanno un sistema immunitario più debole e possono avere una circolazione sanguigna compromessa, rendendo più difficile per il corpo combattere l’infezione e guarire i tessuti danneggiati.
  • Genetica: alcune persone possono avere una maggiore predisposizione genetica alla malattia parodontale. Se ci sono antecedenti familiari di malattia parodontale, è importante essere vigili nella cura dei denti e delle gengive.

Diagnosi della malattia parodontale

La diagnosi della malattia parodontale viene effettuata dal dentista o dall’igienista dentale durante la visita di controllo. Durante la visita, il dentista esamina la bocca e controlla la salute delle gengive, la profondità delle tasche parodontali e la stabilità dei denti. Potrebbe anche essere necessario un esame radiografico per valutare la salute dell’osso alveolare.

Il dentista può utilizzare uno strumento chiamato sonda parodontale per misurare la profondità delle tasche parodontali. Le tasche parodontali sono spazi tra i denti e le gengive che si formano a causa della perdita di tessuto osseo e gengivale. Una profondità di tasca superiore a 3 mm può indicare la presenza di malattia parodontale.

Trattamento della malattia parodontale

Il trattamento della malattia parodontale dipende dalla gravità della condizione. In caso di gengivite lieve, il dentista può raccomandare una pulizia professionale dei denti per rimuovere la placca e l’infiammazione dalle gengive. È importante mantenere una buona igiene orale a casa, con la pulizia dei denti regolare e l’uso del filo interdentale.

In caso di parodontite, può essere necessario un trattamento più intensivo. Il trattamento della parodontite può includere:

  • Pulizia profonda: il dentista o l’igienista dentale esegue una pulizia profonda delle gengive per rimuovere la placca e il tartaro dalle tasche parodontali. Questo processo viene chiamato “raschiatura e levigatura delle radici”.
  • Chirurgia parodontale: in alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere le tasche parodontali e riparare il tessuto gengivale danneggiato. Questo può includere una procedura chiamata “grafting” in cui il tessuto gengivale viene prelevato da un’altra area della bocca e trapiantato nella zona danneggiata.
  • Antibiotici: in alcuni casi, il dentista può prescrivere antibiotici per aiutare a combattere l’infezione.

Prevenzione della malattia parodontale

La prevenzione della malattia parodontale è importante per mantenere una buona salute orale e prevenire la perdita dei denti. Alcuni suggerimenti per prevenire la malattia parodontale includono:

  • Mantenere una buona igiene orale: spazzolare i denti almeno due volte al giorno e usare il filo interdentale regolarmente per rimuovere la placca e i batteri.
  • Visite regolari dal dentista: è importante visitare il dentista almeno due volte all’anno per una pulizia professionale e un controllo della salute delle gengive.
  • Evitare il fumo e il tabacco: il fumo e il tabacco aumentano il rischio di malattia parodontale e possono anche interferire con il trattamento.
  • Seguire una dieta equilibrata: una dieta sana ed equilibrata può aiutare a mantenere una buona salute orale e prevenire la malattia parodontale.
  • Gestire il diabete: se si ha il diabete, è importante mantenere un buon controllo del livello di zucchero nel sangue per ridurre il rischio di malattia parodontale.

Conclusioni

La malattia parodontale è una condizione comune che può causare la perdita dei denti e avere un impatto sulla salute generale del corpo. È importante mantenere una buona igiene orale e visitare regolarmente il dentista per prevenire e trattare la malattia parodontale. Se si sospetta di avere la malattia parodontale, è importante consultare il dentista per una diagnosi e un trattamento adeguati. Con la giusta cura e attenzione, è possibile prevenire la perdita dei denti e mantenere una bocca sana e funzionale per tutta la vita.